Tuesday, 27 Jun, 2017
Login

Delitto di Garlasco, Stasi prova in Cassazione a farsi annullare la condanna

Garlasco (Pavia), 27 giugno 2017 – Nuovo assalto dei difensori di Alberto Stasi, condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi, il 13 agosto 2007. La prima sezione penale della Cassazione discuterà oggi il ricorso straordinario presentato dalla difesa dell’ex bocconiano che sostiene come, nel processo d’appello bis, vennero “dimenticate” una ventina di prove.

Il professor Angelo Giarda chiederà di revocare la sentenza con cui, il 12 dicembre 2015, la Suprema Corte confermò la condanna e, di conseguenza, l’annullamento con rinvio della sentenza di condanna pronunciata dalla Corte d’Assise d’appello di Milano, il 17 dicembre 2024. La famiglia Poggi, parte civile, sarà rappresentata come sempre dall’avvocato Gian Luigi Tizzoni. Secondo il documento, firmato lo scorso 3 dicembre dal professor Giarda e dallo stesso Stasi (detenuto nel carcere di Bollate), sono 21 le prove “decisive” che in primo grado portarono all’assoluzione dell’imputato e che avrebbero dovuto essere prese in considerazione nel giudizio di secondo grado. 

Article source: http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/stasi-garlasco-1.3229483

La Cassazione annulla la sospensione di un mese del dott. Mauro …

Lecce.
La Cassazione annulla la sospensione per un mese, adottata dall’Ordine dei Medici di Lecce nei confronti di Mauro Minelli, immunologo 60enne di Campi Salentina. Accolta dunque l’istanza avanzata dai suoi difensori, gli avvocati Giuseppe Terragno e Anna Centonze. Con sentenza di oggi, infatti, la Corte Suprema ha annullato il provvedimento con il quale, nel maggio 2014, era stata confermata la decisione adottata dall’Ordine di sospensione del professionista dall’esercizio dell’attività professionale per la durata di un mese (dal 15 giugno al 16 luglio 2014). Rigettando le eccezioni di inammissibilità avanzate dall’Ordine di Lecce, la Suprema Corte ha disposto l’annullamento della decisione sulla scorta della sentenza della Corte Costituzionale del 2016 che ha riconosciuto illegittima la composizione della Commissione d’appello (CCEPS) in quanto costituita anche con membri nominati dal Ministero della Salute che è parte in causa nel procedimento.

In particolare la Corte ha affermato che “l’assenza di indipendenza e imparzialità, anche se riferibile solo ad alcuni dei componenti della Commissione, si trasferisce in termini osmotici dai partecipi all’organo, non potendosi consentire che lo stesso eserciti la funzione giurisdizionale attraverso dinamiche radicalmente viziate dalla interlocuzione, nel percorso che porta alla decisione, di soggetti privi delle citate caratteristiche”. In conseguenza dell’annullamento, il procedimento tornerà per un nuovo esame dinanzi alla CCEPS che dovrà decidere in diversa composizione.

La sospensione di Minelli dall’Ordine dei Medici di Lecce, scaturì dal primo dei cinque procedimenti disciplinari emessi dal Presidente Luigi Pepe. Questi accusava  l’immunologo, all’epoca alla guida del centro Imid di Campi Salentina ( la struttura specialistica per la cura delle malattie immunomediate) di avere abusivamente utilizzato il titolo di professore e di avere illegittimamente  occupato il posto di direttore del Centro. Invece, ricordiamo che il “grande accusatore” di Minelli è finito sotto processo, proprio in relazione alle presunte pressioni ed ingerenze esercitate sul Centro Imid. Il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Lecce, Luigi Pepe ha chiesto ed ottenuto il giudizio immediato. L’udienza si terrà innanzi ai giudici della seconda sezione collegiale, il prossimo 7 luglio. Il 70enne di Surano risponde delle accuse di concussione, abuso d’ufficio aggravato, diffamazione continuata, stalking, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato.

Ricordiamo che la chiusura delle indagini, è arrivata dopo che il gip Alcide Maritati ha accolto l’opposizione alla richiesta di archiviazione dei legali della parte offesa, gli avvocati Giuseppe Terragno e Anna Centonze. Pepe secondo l’accusa, avrebbe messo in atto cinque procedimenti disciplinari contro Minelli, mentre si sarebbe dovuto astenere, in considerazione dell’ostilità pubblicamente manifestata nei confronti del Direttore dell’Imid. La Procura ipotizza anche il reato di diffamazione a carico del Presidente dell’Ordine dei Medici.
Pepe ad esempio nel corso di una conferenza stampa, avrebbe definito Minelli “persona poco chiara, millantatore, usurpatore di titoli, truffatore, incompetente”

Article source: http://www.leccenews24.it/cronaca/-8203-procedimento-disciplinare-a-carico-di-mauro-minelli-annullata-la-sospensione-per-un-mese-dall-ordine-dei-medici.htm