Saturday, 20 Jan, 2018
Login

Indennità disoccupazione, Cassazione boccia ricorso consulente del lavoro del Foggiano

<!–
Condividi


–>

Roma. ”(..) uno dei lavoratori coinvolti nell’indagine ha affermato che l’indagato non soltanto si interessava delle pratiche relative all’indennità di disoccupazione ma gli trovava anche i datori di lavoro presso cui andare a lavorare. Il tribunale ha valutato anche le registrazioni delle conversazioni telefoniche dell’indagato prodotte dalla difesa, ritenendole non idonee ad inficiare la rilevanza delle altre emergenze, tenuto conto che (l’indagato,ndr) sapeva che quanto diceva era registrato, essendo lui stesso l’autore della registrazione”.

Con recente sentenza, la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di un 33enne nativo di San Giovanni Rotondo contro un’ordinanza dell’aprile 2017 del Tribunale di Foggia con la quale era stata respinta l’istanza di riesame proposta dal ricorrente, contro un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per l’udienza preliminare del medesimo Tribunale.

All’indagato si contesta di avere nella qualità di consulente del lavoro abilitato anche alla gestione per via telematica dei rapporti tra imprese e Inps, relativamente alla posizione contributiva dei lavoratori, agendo in concorso e su delega di diversi imprenditori, indotto l’ente di previdenza a corrispondere prestazioni economiche a titolo di disoccupazione, maternità e malattia per complessivi euro 706.852, a soggetti risultati fittiziamente assunti da ditte perlopiù inesistenti“. “Il tribunale ha ritenuto che il compendio raccolto nel corso delle indagini preliminari fosse connotato da adeguata gravità, sulla base di elementi specificamente indicati nel provvedimento impugnato. In particolare è stato sottolineato che l’indagato era il consulente del lavoro di tutte le imprese coinvolte nell’indagine, curava le assunzioni dei lavoratori come emerge dai documenti acquisiti ed anche dalle dichiarazioni dei lavoratori assunte dagli ispettori Inps. Il tribunale ha affermato inoltre che sussistevano i presupposti per disporre il sequestro ai fini della confisca per equivalente, per i quali è sufficiente il fumus criminis e la corrispondenza tra il valore dei beni oggetto del sequestro e il profitto o prezzo dell’ipotizzato reato“.

Redazione StatoQuotidiano.it


<!– 4W MOBILE 300 END ARTICLE

simply_publisher = 77127;
simply_domain = 95503;
simply_space = 192253;
simply_ad_height = 280;
simply_ad_width = 336;
simply_callback = ”;

var cb = Math.round(new Date().getTime());
document.write(”);

END 4W 300 END ARTICLE–>

<!– MoveUp 600x

googletag.defineSlot(‘/134284252/statoquotidiano-plavid-art’, [[580, 400], [336, 280], [600, 375]], ‘div-gpt-ad-1436801512307-0′).addService(googletag.pubads()).setTargeting();
googletag.pubads().enableSyncRendering();googletag.enableServices();googletag.display(‘div-gpt-ad-1436801512307-0′);
–>

<!– MoveUp 300×250 mobile Fine articolo

googletag.defineSlot(‘/134284252/statoquotidiano-mob-300×250-fine’, [300, 250], ‘div-gpt-ad-1436800135132-0′).addService(googletag.pubads()).setTargeting();
googletag.pubads().enableSyncRendering();googletag.enableServices();googletag.display(‘div-gpt-ad-1436800135132-0′);
–>

<!– GOOGLE NATIVE

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

END GOOGLE NATIVE–>

Article source: https://www.statoquotidiano.it/19/01/2018/indennita-disoccupazione-cassazione-boccia-ricorso-consulente-del-lavoro-del-foggiano/600162/

Coppia acido, Cassazione conferma: "E’ adottabile il figlio di Martina …

Il piccolo, che ormai ha due anni e mezzo, ha sempre vissuto in una casa famiglia, ricevendo periodicamente le visite di genitori e nonni.

Era stato lo stesso sostituto procuratore generale della Suprema Corte, Francesca Ceriani, a sottolineare nell’udienza del 30 novembre come i genitori di Martina Levato avessero tutte le carte in regola per ottenere l’affidamento del nipote. “I figli non si tolgono nemmeno a mafiosi perché ogni bambino hadiritto a crescere nella famiglia dove è nato”, erano stato le parole del magistrato che però non hanno convinto i giudici.

La Cassazione ha stabilito che il figlio della “coppia dell’acido” debba essere adottato da una famiglia esterna soprattutto alla luce della “lunga detenzione” che i suoi genitori sono costretti ad affrontare: Martina dovà infatti scontare un totale di 20 anni di carcere, mentre il suo ex amante Boettcher ha per il momento accumulato condanne complessive pari a 37 anni di reclusione.

La Corte ha sottolineato che nemmeno i nonni materni “hanno dimostrato una reale presa di coscienza delle atrocità delle condotte della figlia” e valutando il “superiore interesse del minore” va detto che il piccolo non può restare “legato alla famiglia di origine”, perché “inevitabilmente sarebbe costretto a confrontarsi con la drammatica storia familiare dei suoi genitori”.

Si tratta di un verdetto che Martina ha accolto “con grande delusione”, ha riferito il suo legale, l’avvocato Laura Cossar, che preannuncia ricorso davanti alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo: “Non ci arrendiamo – è la sua parola d’ordine – e siamo pronti ad andare a Strasburgo”.

Article source: http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/coppia-acido-cassazione-conferma-e-adottabile-il-figlio-di-martina-levato-_3118294-201802a.shtml